Google, il Governo Italiano e la censura

Google ha recentemente pubblicato sulla sua pagina “Google Transparency Report: Government Requests” il numero totale di richieste effettuate dai Governi di tutte le nazioni del mondo affinché fornisse loro l’accesso ai dati di alcuni utenti dei servizi Google è affinché Google rimuovesse dai propri servizi alcuni contenuti presenti in rete.

Fra i dati presentati dal motore di ricerca, in cui spicca la richiesta del governo degli Stati Uniti d’America, il quale ha richiesto accesso a 4287 dati di utenti, sono presenti anche i dati relativi all’Italia e alle richieste del nostro Governo.

Ebbene, i dati relativi alle richieste effettuate dal Governo Italiano NEL SOLO ARCO DI TEMPO GENNAIO 2010 – GIUGNO 2010 si dispongono in questo modo:

DATI TOTALI:

651 richieste di accesso ai dati di utenti

69 richieste di rimozione, per un totale di 1655 elementi

97.1% delle richieste di rimozione sono state eseguite, con:

Blogger:

11 ordinanze giudiziarie per la rimozione di contenuti

1 ordinanze non-giudiziarie per la rimozione di contenuti

15 gli oggetti di cui è stata richiesta la rimozione

Groups:

1 ordinanze giudiziarie per la rimozione di contenuti

1 gli oggetti di cui è stata richiesta la rimozione

YouTube:

19 ordinanze giudiziarie per la rimozione di contenuti

37 ordinanze non-giudiziarie per la rimozione di contenuti

1639 gli oggetti di cui è stata chiesta la rimozione

Dati relativi all'Italia

Dati relativi agli USA

Se paragoniamo il numero di richieste effettuate dal Governo Italiano e quelle del Governo USA per quanto riguarda l’accesso ai dati degli utenti, verifichiamo che le richieste degli Stati Uniti sono di 6 volte superiori a quelle del Governo Italiano. Tuttavia, facendo un’adeguata proporzione tra il numero di abitanti degli Stati Uniti e quello dell’Italia, (300 milioni di persone USA contro 60 milioni ITA) ci accorgiamo che la proporzione è comunque circa di 5 a 1, di conseguenza si potrebbe trarre la conclusione che, in proporzione, Stati Uniti e Italia sono impiccioni allo stesso modo, per quanto riguarda l’accesso ai dati degli utenti.

Chiaramente ci rendiamo conto che i calcoli relativi alle richieste di accesso ai dati non possono essere considerati perfetti, dal momento che i Governi dei vari Paesi potrebbero richiedere a Google accesso ai dati di persone che non hanno la stessa nazionalità del paese richiedente (per esempio potenziali terroristi stranieri, latitanti internazionali e così via).

Più interessanti sono i dati relativi a YouTube. Se è vero che la proporzione tra le richieste di accesso ai dati è di 6-1 se paragoniamo Stati Uniti e Italia, la proporzione non è rispettata se guardiamo alle richieste di cancellazione di filmati su YouTube.  Addirittura, si ribalta, e non di poco.

Infatti, dall’Italia sono partite 19 ordinanze giudiziarie e 37 non giudiziarie, le quali richiedevano la cancellazione di ben 1639 elementi di YouTube. Gli Stati Uniti, al contrario negli ultimi 6 mesi hanno richiesto la cancellazione di soli 169 elementi. La proporzione è di 9,6 – 1 per l’Italia. Il Governo Italiano, negli ultimi 6 mesi, ha chiesto la cancellazione di elementi di YouTube (presumibilmente di video e filmati) in proporzione 10 volte superiore alle richieste degli Stati Uniti.

Nelle F.A.Q. Google sottolinea come le richieste si riferiscano principalmente a questioni “criminali”. Tuttavia, specifica che ci sono degli elementi sfuggono a questa categoria. Citando testualmente: “presunta diffamazione, discorsi di odio, furto di identità”.

Sappiamo che il web è vasto, vastissimo, e che in una tale mole di dati ogni tanto emerga del marcio. Ora, sarebbe interessante scoprire se davvero gli Italiani, pur essendo di 6 volte inferiori in popolazione rispetto agli USA, producano 10 volte la quantità di video da censurare di quanti non ne producano gli Stati Uniti, e contribuiscano quindi in mole 10 volte superiore alla quantità di spazzatura digitale presente sul web.

Un’altra possibilità è che il nostro Governo sia stato investito da un’aura di santità e di senso di giustizia digitale e abbia deciso di dover effettuare un repulisti generale del web, intervenendo anche su video di responsabilità non direttamente italiana; a questo punto bisognerebbe però discutere dell’opportunità di questa condotta.

Oppure è l’ennesima riprova del fatto che la libertà di espressione, nel nostro Paese,  si sta sempre più affievolendo.

Link: Google Transparency Report

Related posts:

  1. Google Trends: comparare le ricerche di Google Share I Labs di Google non finiscono mai di stupire...
  2. Accordo Google – Twitter: Tweets e Updates ora nelle ricerche di Google Share “L’ obiettivo di Google è sempre quello di creare...
  3. Il governo non tocchi internet! – Gruppo su Facebook Share “Il Consiglio dei Ministri esaminerà nuove, più rigide norme...
  4. Google Chrome OS entro la prossima settimana? Share Google Chrome OS potrebbe essere rilasciato entro i prossimi...
  5. Google Chrome è arrivato alla versione 3.0 Share E’ stata rilasciata ufficialmente la nuova versione del browser...

Articoli correlati elaborati dal plugin Yet Another Related Posts.

Comments are closed.