content top

Microsoft Courier: il vero iPad killer? Foto e Video

Microsoft Courier: il vero iPad killer? Foto e Video

Sebbene l’iPad non sia ancora disponibile in commercio, già si moltiplicano nuovi dispositivi tablet, prodotti da svariate case produttrici di hardware, che ambiscono ad attingere alla stessa fascia di mercato del nuovo gioiello di Cupertino.

Anche Microsoft non è rimasta a guardare: sta infatti sviluppando Microsoft Courier, un tablet molto particolare.

Courier ambisce a integrare le stesse funzioni dell’iPad, ebook reader, multimedia player, multi touch, tablet, e a superarle.

Courier infatti mira a diventare un oggetto di uso quotidiano: si presenta non con uno ma con due schermi multi touch da 5×7”, ed è piegabile come un libro. Come si vede dalle immagini del prototipo, è grosso modo delle dimensioni di un’agenda, e non è più spesso di 1”.

Rispetto all’iPad, che utilizza esclusivamente un sistema di interazione multi-touch, Courier supporta sia il multi-touch, sia un avanzato sistema tablet utilizzabile con un comodo stilo. Questa è un’intuizione non da poco, dato che consente l’utilizzo di Courier come un vero e proprio taccuino digitale. Per ora nei video di presentazione non si è vista una tastiera on-screen, e tutto il testo è riconosciuto dalla grafia dell’utente.

Quello che si evince dai video di presentazione presentati oggi su Engadget è che Courier è uno strumento perfetto per appunti, progetti, grafica e gestione della rubrica personale. In questo Courier potrebbe sconfiggere l’iPad; quest’ultimo è principalmente uno strumento di fruizione dei dati, per esempio e-book o video, mentre Courier è effettivamente un potente strumento di produzione, gestione e condivisione dei dati.

Courier, a differenza di iPad, dispone di foto-videocamera, di cui per ora sono ignote le caratteristiche.

L’interfaccia grafica è di prim’ordine e non ha davvero niente da invidiare a quella dell’iPad, anzi piuttosto si potrebbe dire che l’apparecchio di Apple perde terreno in termini di funzionalità e di eye-candy.

Ancora non è chiaro quale sarà l’architettura software di Courier, si parla di una versione modificata di Windows 7 oppure di un sistema mobile in stile Zune HD. Il parco connettività ancora non è stato rivelato.

A seguire i due video di presentazione dell’interfaccia utente e delle funzionalità di Courier e alcune fotografie.


Reblog this post [with Zemanta]
Read More

Microsoft lancia soldi ai manager degli Apple Store, li vuole per i suoi Microsoft Stores

Microsoft lancia soldi ai manager degli Apple Store, li vuole per i suoi Microsoft Stores

Proposta indecente di Microsoft per i dirigenti di lavoro nei Negozi Apple, che  si può ridurre a una semplice frase: venite a lavorare per noi e iniziate a fare soldi veri. Il bracconaggio dei lavoratori  ha provocato come effetto che diversi membri dello staff Apple Store hanno iniziato a “pensare diversamente” e hanno aderito al team di vendita al dettaglio di Microsoft.

Secondo la Loop, Microsoft sta braccando persone del retail team Apple per farle lavorare nei suoi nuovi negozi Microsoft. Citando fonti anonime,  la pubblicazione ha riferito che Microsoft sta attirando i  manager Apple Negozi  pagandoli in contanti, offrendo loro “cospicui aumenti” in aggiunta alle spese di trasferimento, in alcuni casi. Fonti sostengono che coloro che hanno accettato l’offerta sono poi


“invitati a contattare i loro ex-colleghi alla Apple per convincerli a lavorare per la Microsoft.  Viene offerto loro uno stipendio più alto che alla Apple.”

Microsoft ha rivelato in gennaio la sua intenzione di imbarcarsi su una ambiziosa avventura a lungo termine di vendita al dettaglio. Una presentazione PowerPoint trapelata la fine di luglio ha rivelato che i Microsoft Stores saranno caratterizzati da una grande dimostrazione che comprenderà gli interi negozi, ovvero includeranno delle copie del Genius Bar Apple, Microsoft Surface, Project Natal e delle demo di Pink, oltre alle sezioni a tema incentrato sul gioco d’azzardo, mobile e media. Queste diapositive PowerPoint hanno costretto gli amanti della Apple a grattarsi la testa e a chiedersi se in realtà i Microsoft Stores potrebbero rendere gli Apple Stores eleganti santuari tech , ma dal look decisamente noioso.

Fonte: Geek.com

Microsoft gettare soldi al manager Apple Store, li vuole per i propri negozi al dettaglio

Sep. 22, 2009 ( 3:25 pm ) By: Christian Zibreg 22 settembre 2009 (3:25) Con: Christian Zibreg
Microsoft S tores logo Microsoft’s indecent proposal for managers working at Apple Stores, boiled down to a one-liner, goes like this: Come work for us and start making real money. Proposta indecente di Microsoft per i dirigenti di lavoro nei Negozi Apple, si riduceva a una battuta, è questa: il lavoro venuto per noi e iniziare a fare soldi veri. The employee poaching has reportedly resulted with several Apple Store staff members “thinking differently” and joining Microsoft’s retail team. Il lavoratore ha il bracconaggio avrebbero causato con diversi membri dello staff Apple Store “pensare diverso” e l’adesione del team di vendita al dettaglio di Microsoft.

According to the Loop, Microsoft is poaching Apple’s retail people to work in one of their upcoming brick-and-mortar stores. Secondo la Loop, Microsoft è il bracconaggio persone retail Apple a lavorare in uno dei loro mattoni imminente e negozi di mortaio. Citing unnamed sources conditioned with anonymity, the publication reported that Microsoft is luring Apple Stores managers with hard cold cash, offering them “significant raises” in addition to moving expenses in some cases. Citando fonti anonime condizionata con l’anonimato, la pubblicazione ha riferito che Microsoft sta attirando Apple manager Negozi con hard cash freddo, offrendo loro “solleva significativo” in aggiunta alle spese di trasferimento, in alcuni casi. Sources claim that those who have accepted the offer are then Fonti sostengono che coloro che hanno accettato l’offerta sono poi

contacting some of the top sales people in the Apple retail organization offering them positions at Microsoft retail. contatto con alcuni dei top delle vendite di persone per l’organizzazione Apple offrendo loro posizioni al dettaglio di Microsoft. They have also been offered more money than what they made at Apple. Sono stati anche offerto più denaro di quello che hanno fatto di Apple.

Microsoft revealed in January its intention to embark on an ambitious and long-term retail adventure . Microsoft ha rivelato in gennaio la sua intenzione di imbarcarsi su un termine ambizioso e di lunga avventura al dettaglio. A PowerPoint presentation leaked late July revealed that Microsoft Stores will feature a massive display encompassing the entire store, an Apple Genius bar ripoff, Surface units, project Natal and Pink demos, in addition to themed sections focused on gaming, mobile, and media. Una presentazione PowerPoint trapelata la fine di luglio ha rivelato che nei Negozi Microsoft sarà caratterizzato da una grande dimostrazione che comprende l’intero deposito, uno ripoff Genius Bar Apple, unità di superficie, progetto Natal e demo Pink, oltre alle sezioni a tema incentrato sul gioco d’azzardo, mobile e media. Leaked slides left Apple watchers scratching their head and wondering if in fact Microsoft Stores could make Apple’s stylish tech shrines look downright boring . Diapositive Leaked sinistra watchers Apple a grattarsi la testa e chiedendosi se in realtà Microsoft Negozi potrebbe fare Apple elegante santuari tech look decisamente noioso.

Read more at The Loop . Read more at The Loop.

Christian’s Opinion Parere di Christian

asdasd

Working at one of Microsoft Stores will earn you more cash, says Microsoft. Lavoro presso uno dei Negozi Microsoft vi farà guadagnare più soldi, dice Microsoft.

I’m not surprised at all with the fact that Microsoft is trying to hire Apple Store managers with years of retail experience. Non mi sorprende affatto con il fatto che Microsoft sta cercando di assumere Apple store manager con anni di esperienza di vendita al dettaglio. Eagle-eyed readers could note that Microsoft recently hired George W. Blakenship, Apple’s former retail expert credited with securing prime locations for Apple’s flagship stores. Eagle-eyed lettori potrebbe notare che Microsoft ha recentemente assunto George W. Blakenship, Apple, ex esperto di vendita al dettaglio accreditato con la protezione delle posizioni di prim’ordine per i negozi Apple di punta.

Interestingly, Microsoft has been seeking store managers on their careers website since July. È interessante notare che Microsoft ha cercato store manager sul loro carriere sito dal mese di luglio. The company has obviously opted for a shortcut, deciding to go after Apple’s talent pool instead. La società ha evidentemente optato per una scorciatoia, di decidere di andare dopo pool di talenti, invece di Apple.

In my opinion, there are two sides to this story. A mio parere, ci sono due parti di questa storia. Microsoft obviously needs the right people for the job, but it is also seeking to weaken its rival’s retail workforce in the process. Microsoft ha bisogno, ovviamente, le persone giuste per il lavoro, ma è anche cercando di indebolire la forza lavoro al dettaglio il suo rivale nel processo. Just like with the “Laptop Hunters” series of ads, the money is once again the primary bait. Proprio come con il “Laptop Hunters” serie di annunci, il denaro è ancora una volta l’esca principale. Knowing Apple, I’m afraid the company won’t approach own store managers with a counteroffer. Conoscendo Apple, temo che la società non si avvicineranno ai gestori dei negozi proprio con una controfferta. From Apple’s perspective, one thing is pretty much certain: Those who have defected will never be able to work in any Apple store – ever. Dal punto di vista di Apple, una cosa è praticamente certa: Coloro che hanno disertato non sarà mai in grado di lavorare in qualsiasi negozio Apple – mai.

Read More

Bing, il motore di ricerca firmato Microsoft diviene ora “Visual Search”

Bing, il motore di ricerca firmato Microsoft diviene ora “Visual Search”

Altre grandi novità sono in arrivo in casa Microsoft e questa volta sembra trattarsi proprio di qualcosa di davvero interessante.

Oramai qui su Geekissimo si è parlato non poche volte del celeberrimo motore di ricerca da poco rilasciato dalla Microsoft, Bing, il quale a partire dal suo arrivo sembra aver suscitato non soltanto fascino ed attenzione ma anche numerose critiche, come d’altronde avviene per ogni nuovo prodotto lanciato sul mercato, in particolare quello facente parte del settore informatico – tecnologico.

Ora, dopo il lancio di questo nuovo e promettente prodotto, l’azienda di casa Redmond dichiara ufficialmente l’arrivo di un’altra grande novità.

E’ stato infatti presentato dalla Microsoft, in occasione della conferenza annuale TechCrunch50, il nuovo prodotto che sicuramente molti e molti utenti troveranno particolarmente interessante, ossia Bing Visual Search, che altro non è se non una nuova creazione nata dall’abbinamento tra il neo motore di ricerca di casa Redmond con Silverlight, l’anti Flash, mediante la quale è possibile visualizzare le anteprime delle immagini attraverso un interfaccia tridimensionale, oltre ad una serie di varie informazioni e statistiche riguardanti i dati strutturati.

(…)
Continua a leggere Bing, il motore di ricerca firmato Microsoft diviene ora “Visual Search”, su Geekissimo


© Martina Oliva (Bugeisha) per Geekissimo, 2009. |
Permalink |
Commenta! |
Aggiungi su del.icio.us

Read More

Microsoft rimuove Internet Explorer da Windows 7 in Europa

Microsoft rimuove Internet Explorer da Windows 7 in Europa

Una controversia tra l’Unione europea e Microsoft è stata in corso per un po’ di tempo. L’Unione Europea propone che Microsoft dovrebbe prendere in considerazione l’aggiunta di browser web di terze parti per il suo prossimo sistema operativo Windows 7, in uno sforzo per rafforzare la concorrenza di browser web. Questo è sembrato strano a molti utenti europei, dato che Firefox come browser web era già in concorrenza con Internet Explorer anche senza essere distribuito con il sistema operativo.

[ad#q200]

Notizia di oggi che Microsoft ha deciso – per ora – di offrire Windows 7 nell’Unione europea senza Internet Explorer. Un problema sarà, a questo punti, scaricare un nuovo browser web, dato che non ce ne sarà nessuno installato di default. Il fatto che non ci sia installato un browser web riporta i ricordi di un tempo in cui i browser web erano forniti anche su CD e floppy disk.

“Al fine di garantire che Microsoft è in conformità con il diritto europeo, Microsoft ha deciso di rilasciare una versione di Windows 7 per la distribuzione in Europa, che non include Windows Internet Explorer”, ha detto il software maker nel memo. “Microsoft offrirà IE8 separatamente e gratuito e renderà più semplice e conveniente per produttori di PC la preinstallazione di IE 8 su Windows 7  in Europa, se desiderato. I produttori di PC potranno scegliere di installare un browser alternativo, invece di IE 8, e potranno installare anche più browser web.”

Fonte: Windows 7 News

Read More

Bing è online

Bing è online

Con due giorni di anticipo sulla tabella di marcia, Bing, il nuovo motore di ricerca Microsoft, è arrivato online.

Accompagnato dalla scritta “Beta“, che con ogni probabilità sarà rimossa tra qualche giorno, Bing è disponibile già localizzato in italiano. Facendo un raffronto con Google, si nota subito una certa affinità, per non dire una scopiazzatura palese, nell’impaginazione del sito. In alto a sinistra i link a MSN (cosa peraltro bizzarra, dato che Bing dovrebbe soppiantare MSN Search come motore di ricerca Microsoft) e a Windows Live, in alto a destra i link per l’accesso tramite Windows Live ID. Fin qua, in tutto e per tutto uguale a Google.

Mutuata da BigG anche l’idea di includere nella home solo la barra di ricerca, per consentire un rapido accesso agli strumenti di Bing (Web, Immagini, Shopping, Notizie, Mappe, Altro).

Molto ben fatta è la ricerca di Immagini: pur essendo leggermente più lenta e graficamente più pesante di quella di Google, fornisce strumenti molto rapidi per la ricerca e il filtraggio delle immagini. Per esempio, Bing riconosce la risoluzione del nostro schermo, di conseguenza se impostiamo il filtro “Sfondo“, ci fornirà immagini della risoluzione giusta per diventare wallpaper del nostro PC. Eccellente anche la funzione “Cerca immagini simili“, che trova immagini simili per colori, soggetto e inquadratura a quella da noi selezionata.

Per quanto riguarda la capacità di ricerca è ancora presto per fare un vero raffronto, tuttavia abbiamo provato ricercando la parola “windows” tramite Bing e Google e i risultati sono stati 363.000.000 per Bing e 1.290.000.000 per Google. Una vittoria netta per google, ma Bing ha solo un giorno di vita.

[ad#q200]

Come è prevedibile, detronizzare Google dal suo ruolo di Search Engine principe sarà difficile, ma Microsoft questa volta sembra fare veramente sul serio.

Read More
content top