content top

Guitar Pro 5 su Ubuntu Linux

Guitar Pro 5 su Ubuntu Linux

Chi l’ha detto che per utilizzare Guitar Pro 5 dobbiamo per forza usare Windows?

Wine su Linux ha raggiunto una solidità e una maturità tali che ci consentono di installare tranquillamente Guitar Pro 5 sul nostro bel sistema operativo del pinguino (per questa guida faremo riferimento a Ubuntu 9.04 Jaunty).

La procedura è piuttosto semplice e include 2 programmi: Wine (per l’installazione di Guitar Pro 5) e Timidity (per poter riprodurre i suoni all’interno di Guitar Pro).

NB: Dobbiamo innanzitutto disporre di una copia di Guitar Pro (suggerisco la versione 5.2, ma dovrebbe funzionare bene anche cn le precedenti e le successive).

Ecco i passi da seguire:

  1. Installare da Gestore di Pacchetti i pacchetti wine e timidity
  2. Inserire il cd di Guitar Pro (o aprire una iso di Guitar Pro tramite il programma gmountiso), aprire la cartella del cd-rom e fare doppio clic su “Setup.exe”.
  3. Seguire la procedura di installazione di Guitar Pro.
  4. Una volta installato Guitar Pro, prima di avviarlo dovremo riavviare il server Timidity (NB: il server di timidity andrà riavviato ogni volta che vogliamo usare Guitar Pro. Tuttavia, basta riavviarlo una volta sola e dopodichè fino a quando non si spegne il computer timidity funzionerà a dovere).
  5. Per riavviare il server timidity basta dare da terminale il comando: sudo /etc/init.d/timidity restart
  6. Dovrebbero apparire a questo punto sul terminale i segnali di conferma dell’avvenuto riavvio del server:

* Stopping TiMidity++ ALSA midi emulation…                            [ OK ]
* Starting TiMidity++ ALSA midi emulation…                            [ OK ]

A questo punto potete avviare Guitar Pro 5 e godervi il vostro programma rock preferito! Buone schitarrate!

Read More

I Muse presentano su Twitter il nuovo singolo “United States of Eurasia”

I Muse presentano su Twitter il nuovo singolo “United States of Eurasia”

I Muse hanno presentato in anteprima il primo singolo estratto dal loro prossimo album, “The Resistance”, intitolato United States of Eurasia.

La canzone è stata presentata al termine di una sorta di “caccia al tesoro on-line”, il cui scopo era scovare a mano a mano degli spezzoni della canzone. Il tutto, orchestrato via Twitter.

Sul loro profilo di Twitter, musewire, i ragazzi della band britannica giorno per giorno annunciano novità e anticipazioni sul prossimo album, in uscita il 14 settembre.

I Muse sono appassionati di Internet e nuove tecnologie, e questa ultima loro uscita ne è la riprova. Finalmente dei musicisti Geek!

Ecco il video con l’audio della canzone completa, buon ascolto!

Read More

Grooveshark: il futuro della musica in streaming

Grooveshark: il futuro della musica in streaming

Potremmo essere di fronte a una rivoluzione web simile a quella portata dall’avvento di Youtube. Un’altra idea molto semplice e, in quanto tale, vincente.

Signore e signori, ecco a voi Grooveshark, il primo vero sito di condivisione di musica in streaming.

Di siti come Grooveshark ne abbiamo visti nascere e morire a centinaia, ma nessuno ha avuto una portata neanche lontanamente simile a quella di questo servizio. Grooveshark si presenta diverso proprio per la sua estrema semplicità. Nella homepage abbiamo una casella di ricerca tramite la quale possiamo accedere velocemente a, letteralmente, milioni di canzoni.

Molto semplice è anche accedere agli album, ai generi o ai propri preferiti, in quanto tutto è gestito tramite menu contestuali che ricordano abbastanza quelli del famigerato iPod. Una volta selezionata la canzone da ascoltare, questa sarà aggiunta ad una “coda di riproduzione”, la quale se siamo utenti registrati (la registrazione è gratuita e semplicissima) possiamo salvare per riproduzioni future. Semplice è anche l’upload di canzoni sui server di Grooveshark (tramite un applet Java).

Grooveshark offre anche servizi a pagamento per promuovere la propria band: Grooveshark Artists.

Insomma, Grooveshark è, sotto molti aspetti, il sito che tutti stavamo aspettando. Provatelo, e non potrete più farne a meno.

Read More
content top