content top

Attivare Flash in Chromium (Google Chrome) su Ubuntu

Attivare Flash in Chromium (Google Chrome) su Ubuntu

Finalmente è arrivato il giorno tanto atteso! E’ possibile attivare flash su Chromium grazie a due semplicissimi comandi (grazie a Pollycoke per la guida!!):

La prima cosa da fare (se non l’avete già fatto) è scaricare Chromium dal repository di sviluppo.

Quindi, controllate di aver installato il plugin Flash dal repository di Ubuntu.

Dopodichè, basta dare da terminale i comandi:

$: cd /usr/lib/chromium-browser/plugins
$: sudo ln -s ../../mozilla/plugins/flashplugin-alternative.so flashplugin.so

N.B.: se avete installato flash in qualche altro modo, modificate di conseguenza il secondo comando.

E voilà, avrete Flash funzionante sul vostro Chromium!

Per ora questa è una soluzione di ripiego in attesa che flash venga integrato nativamente in Chromium, quindi nelle pagine flash possono verificarsi piccoli rallentamenti nello scrolling.

Buona navigazione!

Read More

Firefox 3.5 fullscreen crash in Ubuntu: Soluzione

Firefox 3.5 fullscreen crash in Ubuntu: Soluzione

Se Firefox 3.5 vi va in crash quando tentate di mettere fullscreen un video flash (per esempio un video di YouTube), ecco una rapida ed indolore soluzione al problema, in attesa che venga patchato nel prossimo futuro:

  1. Aprite come amministratore la cartella /usr/lib/firefox-3.5
  2. Aprite con Gedit il file firefox.sh (potrebbe anche chiamarsi firefox e basta).
  3. Mettete come seconda rigaexport LD_PRELOAD=/usr/lib/libGL.so.1
  4. Salvate, chiudete e riavviate Firefox 3.5.

Ecco un video di YouTube per provare se il vostro fullscreen ora funziona:

Read More

Firefox 3.5 disponibile per il download

Firefox 3.5 disponibile per il download

Dopo la lunga attesa, finalmente è arrivata la release ufficiale di Firefox 3.5!

Scaricala QUI!

Read More

Microsoft rimuove Internet Explorer da Windows 7 in Europa

Microsoft rimuove Internet Explorer da Windows 7 in Europa

Una controversia tra l’Unione europea e Microsoft è stata in corso per un po’ di tempo. L’Unione Europea propone che Microsoft dovrebbe prendere in considerazione l’aggiunta di browser web di terze parti per il suo prossimo sistema operativo Windows 7, in uno sforzo per rafforzare la concorrenza di browser web. Questo è sembrato strano a molti utenti europei, dato che Firefox come browser web era già in concorrenza con Internet Explorer anche senza essere distribuito con il sistema operativo.

[ad#q200]

Notizia di oggi che Microsoft ha deciso – per ora – di offrire Windows 7 nell’Unione europea senza Internet Explorer. Un problema sarà, a questo punti, scaricare un nuovo browser web, dato che non ce ne sarà nessuno installato di default. Il fatto che non ci sia installato un browser web riporta i ricordi di un tempo in cui i browser web erano forniti anche su CD e floppy disk.

“Al fine di garantire che Microsoft è in conformità con il diritto europeo, Microsoft ha deciso di rilasciare una versione di Windows 7 per la distribuzione in Europa, che non include Windows Internet Explorer”, ha detto il software maker nel memo. “Microsoft offrirà IE8 separatamente e gratuito e renderà più semplice e conveniente per produttori di PC la preinstallazione di IE 8 su Windows 7  in Europa, se desiderato. I produttori di PC potranno scegliere di installare un browser alternativo, invece di IE 8, e potranno installare anche più browser web.”

Fonte: Windows 7 News

Read More

Google Chrome e le estensioni

Google Chrome e le estensioni

Dopo aver raggiunto la versione 2 di Chrome, la quale ha introdotto delle interessanti novità come la visione a schermo intero, Google guarda avanti, e comincia a pianificare il futuro del suo browser web.

Futuro che pare già vicino: Mercoledì 27 Maggio infatti, al Google I/O di San Francisco, sono state introdotte le tanto desiderate dal pubblico estensioni di Chrome.

Ma cosa sono, in effetti, queste estensioni?

Si tratta di file .zip contenenti file HTML, CSS e JavaScript. Di fatto, un’estensione di Chrome è una pagina web perfettamente funzionale. Le estensioni possono quindi essere programmate esattamente come una pagina web, usando gli stessi strumenti di debugging, le stesse librerie Javascript e così via.

[ad#q200]

Scrivere estensioni per Chrome è molto semplice: sul sito del progetto Chromium, che è alla base dello sviluppo di Chrome, c’è anche un howto su come scrivere una piccola estensione “introduttiva”.

Come le schede e i plugin, anche le estensioni gireranno su processi separati, in modo da non poter causare un crash generale del browser (vedi immagine qua sotto)

Le estensioni saranno controllate da Google, in modo da evitare l’installazione di sofware maligno contenuto all’interno di estensioni create da eventuali hacker.

Le estensioni di Chrome avranno ulteriori vantaggi rispetto alle tanto amate estensioni di Firefox, per esempio, una volta installata un’estensione, non sarà necessario riavviare il browser perchè essa venga attivata, inoltre Chrome provvederà automaticamente all’aggiornamento delle estensioni in modo non invasivo: in pratica, appena un’estensione sarà aggiornatà, Chrome la aggiornerà in background e noi potremo continuare a lavorare come se niente fosse (questa è l’idea di base, un metodo user-friendly di aggiornamento è in progetto).

Attualmente si possono già provare alcune estensioni, Gmail Checker e Subscribe to Google Reader, scaricabili a questo indirizzo e installabili seguendo la procedura riportata in quella pagina, tuttavia sono attivabili solo con la versione di sviluppo di Chrome, che è scaricabile a questo indirizzo.

NB: prima di installare la versione di sviluppo, è bene fare un backup dei propri dati di Chrome: la loro posizione dipende dalla versione di Windows

  • Windows XP\Documents and Settings\username\Local Settings\Application Data\Google\Chrome\User Data\Default
  • Windows Vista: \Users\username\AppData\Local\Google\Chrome\User Data\Default
Ecco due immagini che mostrano come si presenteranno le estensioni di Chrome:
Potete consultare le slide di presentazione delle estensioni di Chrome utilizzate al Google I/O a questo indirizzo.
Read More
content top